Vendita, noleggio camper nuovi e usati | Gigi Caravan - Dove parcheggiare il camper: norme e divieti

Valigie pronte, mappe in mano e mete da raggiungere già preventivate.

Insomma, ciò che manca è solo un’informazione: “Dove parcheggiare il camper”?

Tra le regole del camperista, c’è anche quella di conoscere per filo e per segno la normativa vigente, relativa a circolazione e sosta per autocaravan.

Per capire dove si può parcheggiare il camper senza problemi e se è possibile prolungare le eventuali soste in base alle proprie esigenze, sarà necessario partire da una importante premessa.

È l’articolo 185 del Codice della Strada a classificare i camper, a disciplinare la materia della circolazione e sosta autocaravan ed a stabilire anche i divieti e le pene previste per i trasgressori delle regole.

Nonostante si tratti di mezzi completamente differenti sia dalle automobili sia dai veicoli destinati al trasporto merci, l’art. 185 inserisce i camper nella stessa categoria degli autoveicoli. Pertanto, in merito alla circolazione e sosta dell’autocaravan, sono valide le stesse regole che il Codice della Strada prevede per le normali autovetture.

Ora, punto per punto, cercheremo di indicare al meglio tutte le specifiche previste dall’apposita normativa “area sosta camper”. 

Parcheggiare il camper, normativa area sosta camper: tutto ciò che c’è da sapere

Per parcheggiare il camper è necessario attenersi rigorosamente a quelle che sono le disposizioni di legge. Tralasciando le aree destinate alla sosta e presenti nelle strutture ricettive, come ad esempio i campeggi, un autocaravan può sostare in strada purché rispetti determinate disposizioni:

  • È necessario che la sosta sia permessa nel tratto stradale.
  • Nel parcheggio camper, le dimensioni del veicolo non devono creare ingombro, è necessario che rientrino negli stalli e, pertanto, non risultino eccessive. Non solo: per parcheggiare il camper in maniera corretta e non punibile ai fini di legge sarà necessario anche che il veicolo poggi sulla carreggiata con le sole ruote e che non vi siano altri ancoraggi.
  • È vietato tassativamente lo scarico ed il deflusso di qualsiasi liquido o residuo organico, per come stabilito dal comma 4 del suddetto articolo del Codice della strada. Infatti, gli scarichi (come vedremo successivamente) sono ammessi esclusivamente nelle aree dedicate, ovvero i cosiddetti “camper service”, presso i quali è possibile effettuare anche il carico delle acque. Se, in merito, gli organi competenti dovessero riscontrare la violazione della norma e rilevare eventuali deflussi non ammessi, il trasgressore verrà punito con una multa che prevede il pagamento di una somma compresa tra gli 84 € ed i 355€.
  • Gli unici deflussi consentiti sono quelli del propulsore meccanico.

Parcheggiare il camper a pagamento.

A parte le tradizionali aree dedicate alla sosta, per parcheggiare il camper è possibile trovare spazio anche nelle zone a pagamento destinate alle autovetture. È chiaro, però, che un camper rispetto anche alla più grande automobile, abbia dimensioni notevolmente diverse e, oltre a rispettare tutte le specifiche e le disposizioni dell’art. 185 del CdS, la normativa riconosce il diritto dei camperisti di occupare i posti destinati agli automobilisti, ma ad essere differente è il prezzo della sosta. Ancor più nel dettaglio, infatti, qualora si dovesse trattare di un camper in sosta in parcheggio a pagamento, la tariffa da corrispondere per il servizio erogato avrà un costo complessivo superiore rispetto a quella delle autovetture, ovvero il 50% in più. Quindi, per esempio, se per un’automobile per un’ora di parcheggio, sarà previsto il pagamento di una somma di 2€, per parcheggiare il camper saranno necessari 3€.

Normativa area sosta camper

Per parcheggiare il camper le soluzioni sono diverse e, come tali, differenti saranno le modalità di sosta.

Più nel dettaglio, distinguiamo:

 

  • Parcheggio camper (dimensioni stalli per auto):

In questo caso, sarà possibile parcheggiare il camper in una apposita area pubblica, destinata anche al parcheggio delle automobili.

Questi parcheggi pubblici si trovano sia in città sia nelle zone più periferiche, così come nei distributori di benzina presenti sull’autostrada e sono caratterizzate dai tradizionali stalli all’interno dei quali sostare.

In questa area, sarà possibile solamente parcheggiare il camper ma non vengono erogati servizi di nessun genere.

  • Punto di sosta:

Si tratta di un’area destinata alla sosta e, come tale, prevede almeno i servizi minimi, compreso (di solito) quello del camper service.

Qui non ci sono apposite piazzole indicate da segnaletica stradale e, ovviamente, non vi è possibilità di allaccio alla corrente perché si presume che parcheggiare il camper in questa area, preveda una sosta non eccessivamente lunga.

  • Camper service:

Indicato da apposita segnaletica, il camper service generalmente si trova o presso aree di servizio poste sulle autostrade oppure nei campeggi che ospitano gli autocaravan. Qui, parcheggiare il camper significa anche fare rifornimento. Infatti, si tratta di un servizio – il più delle volte a pagamento - di cui i camperisti possono fruire per scaricare liquidi e far defluire le acque sporche in serbatoi dedicati, al fine di facilitarne il loro smaltimento anche nel rispetto dell’ambiente. Il camper service può essere definito, quindi, come una sorta di piazzola attrezzata nella quale è possibile – dopo aver proceduto a parcheggiare il camper – anche rifornirsi di acqua pulita e potabile.

  • Area attrezzata:

In questo caso, circolazione e sosta autocaravan hanno regole precise stabilite direttamente dall’Ente comunale del luogo. Per prima cosa, nell’area attrezzata – che è pubblica – è possibile parcheggiare il camper tenendo in considerazione che c’è un tempo massimo per sostare. È la Regione a stabilire la normativa area sosta camper che, comunque, per quanto variabile da comune a comune, è prevista per un minimo di 2 ed un massimo di 3 giorni. Nell’area attrezzata c’è anche il camper service ed è possibile che gli autocaravan vengano allacciate alla corrente a 220 volt. Attenzione, però: queste aree in cui si può parcheggiare il camper  non sono da confondere con quelle da camping: infatti, qui è vietato il fissaggio del veicolo al suolo ed anche l’eventuale montaggio di tende e gazebo, come anche  l’esposizione di altra attrezzatura al di fuori del camper. Anche in questo caso, generalmente parcheggiare il camper e fruire dei servizi ha un costo e l’area attrezzata, quindi, è a pagamento.

Parcheggiare il camper, art.185: le norme di comportamento e la disciplina della circolazione e sosta autocaravan

Composto da 8 commi, l’art. 185 del Nuovo Codice della Strada, introdotto dal Decreto Legislativo n.285/1992 e soggetto a successive modificazioni, disciplina la circolazione e sosta autocaravan.

Il primo comma recita testualmente:  

ai fini della circolazione stradale ed agli effetti dei divieti e limitazioni previsti […] i camper sono soggetti alla stessa disciplina prevista per gli altri veicoli” e, dunque, categorizza  i camper così come le autovetture.

Il secondo comma, invece, precisa in merito ai camper in sosta/parcheggio che “la sosta delle autocaravan sulla sede stradale è consentita esclusivamente se poggiano al suolo solo le ruote del veicolo che […] comunque non occupa in misura eccedente l’ingombro proprio dell’autoveicolo stesso”.

È invece il comma 3 a stabilire che nelle aree a pagamento destinate al parcheggio, sarà possibile parcheggiare il camper a fronte del pagamento di “una tariffa maggiorata del 50% rispetto a quella prevista per le autovetture”.

Con il quarto comma, l’art. 185 vieta “lo scarico dei residui organici e delle acque chiare e luride […] al di fuori di appositi impianti” ed il quinto comma estende tale divieto anche “agli altri autoveicoli dotati di appositi impianti interni di raccolta”.

Il sesto comma quantifica le sanzioni amministrative previste per gli eventuali trasgressori nel pagamento di “una somma da euro 84 a euro 335”, mentre il settimo disciplina “la realizzazione […] di impianti igienico-sanitari atti ad accogliere i residui organici e le acque chiare e luride, le tariffe previste per il loro uso ed i vari criteri per l'istituzione da parte dei comuni di aree attrezzate e l'apposito segnale stradale col quale deve essere indicato ogni impianto”.

In ultimo, l’ottavo comma – in riferimento anche al quarto precedente del suddetto articolo - richiama il “decreto del Ministro della sanità, di concerto con il Ministro dell'ambiente, che determina le caratteristiche dei liquidi e delle sostanze chimiche impiegati nel trattamento dei residui organici e delle acque chiare e luride fatti defluire negli impianti igienico-sanitari”.

Prima di partire, quindi, sarà bene far proprie le regole del Codice della Strada per evitare di farsi trovare impreparati e per parcheggiare il camper in totale tranquillità, senza trasgredire quanto disposto dall’articolo 185 e godersi al meglio la vacanza su quattro ruote.

Abbiamo snocciolato ogni punto della normativa “area sosta camper” proprio al fine di contribuire all’adozione delle buone norme comportamentali e per evitare di incorrere in eventuali pesanti sanzioni.

Gigi Caravans

GigiCaravans, con i suoi 30 anni di esperienza nel settore, rappresenta un centro di riferimento per la zona del nord Milanese e della Brianza per la vendita, il noleggio e la manutenzione di camper. Nel piazzale da oltre 5000 mq. puoi trovare camper nuovi Benimar / Pilote e usati delle migliori marche quali Benimar,Le Voyageur e Bavaria.
Puoi noleggiare facilmente il camper dei tuoi sogni oppure usufruire di uno dei nostri fantastici pacchetti vacanza.

Servizi

Contattaci

Contatti

Valore non valido
Valore non valido
Valore non valido
Valore non valido
Valore non valido
Valore non valido
Valore non valido